Rispetto delle linee guida

Il sito rispetta le linee guida nazionali in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon

This Website is Designed by

50.01 Production & Communication Ltd.

London, UK

La Filosofia del Team

Lo sviluppo di nuove vie di accesso chirurgiche , le 'mini protesi ' dedicate alla patologia artrosica ci permettono un radicale cambiamento del concetto chirurgico di sostituzione protesica sia dell' anca che del ginocchio.

La nostra equipe chirurgica ha da alcuni anni ha aderito al programma ortopedico di 'short recovery' in modo da integrare una tecnica chirurgica protesica mininvasiva con un veloce programma riabilitativo e della capacità deambulatoria con un 'breve ricovero'. Il concetto di ' breve ricovero' si basa su una stretta collaborazione tra il chirurgo ortopedico protesista , l'anestesista  e lo staff riabilitativo. 

La tecnica chirurgica per la protesi d'anca inizia con l'accesso cutaneo anteriore mininvasivo con rispetto dei tessuti muscolari e tendinei necessari al corretto movimento dell'articolazione dell'anca operata. Questa tecnica chirurgica associata ai nuovi design protesici e agli strumentari dedicati ha cambiato il tradizionale concetto di sostituzione protesica dell'anca con lunghi ricoveri, trasfusioni di sangue, utilizzo per oltre 2 mesi di stampelle per camminare e l'impossibilità di utilizzare l'automobile per almeno 50-90 giorni rendendo il paziente autonomo sin dai primi giorni postoperatori, libero di camminare ed utilizzare l'automobile per tornare a casa. L'anestesia locoregionale e l'utilizzo di nuovi farmaci ha permesso la diminuzione drastica le perdite ematiche e quindi i rischi e gli ematomi postchirurgici.

Le moderne protesi d'anca con strumentari dedicati a questa via d'accesso anteriore mininvasiva sono rivestite con materiale osteo inducente in grado di garantire una stabilità ottimale e conseguenti alte prestazioni sin dai primi giorni con abbandono delle stampelle precoce. 

Anche la chirurgia del ginocchio si è dovuta adeguare alle alte prestazioni richieste dai pazienti, sempre più giovani e quindi con voglia di tornare rapidamente alla propria attività lavorativa, sportiva e sociale. In questo senso l'aiuto di mini protesi o monocompartimentali mi permette di curare solo il comparto osteo -cartilagineo malato del ginocchio, evitando la sostituzione totale. Con la mia equipe ho la possibilità di operare bilateralmente ad entrambe le articolazioni lo stesso paziente senza aumentare i rischi ed i tempi di ricovero. Otteniamo in questo modo ginocchia operate ad elevate prestazioni funzionali e tempi di ricovero brevi. 

Il percorso riabilitativo inizia nell'immediato postoperatorio e prevede ad oggi circa 3 giorni di ricovero chirurgico. 

Il mio progetto prevede in collaborazione con le strutture sanitarie in cui opero di accorciare i tempi di ricovero a 2 giorni nell'arco di circa 1 anno mantenendo gli standard di sicurezza e le prestazioni funzionali del ginocchio o dell'anca operata inalterati.