Rispetto delle linee guida

Il sito rispetta le linee guida nazionali in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon

This Website is Designed by

50.01 Production & Communication Ltd.

London, UK

  • EJTeam

Intervento Domino


Caso interessante. Un paziente operato qualche anno fa (8) con una protesi metallo-metallo ha sviluppato una coxartrosi dalla parte controlaterale. Il paziente giovane non ha mai presentato nessun problema a carico della gamba gia operata, se non una recente comparsa di dolore in sede trocanterica. E’ stato sempre seguito e monitorato dal punto di vista degli ioni sierici di cromo e cobalto. Dovendo fare intervento di protesi a carico della gamba artrosica, gli è stato proposta un intervento domino cioè un intervento di protesi su anca e in contemporanea una revisione del cotile metallo-metallo a carico dell’altra. Il motivo di questo è molto semplice. Nella nostra esperienza questi cotili in metallo generano una metallosi che va a mortificare l’osso e porta poi ad una revisione con danni ormai molto gravi. Spesso si formano delle tasche di metallosi e ci si trova davanti a perdita di sostanza, che risulta difficile da colmare. Poter recuperare osso dalla parte non operata consente di poter disporre di osso autologo vitale e di poter assicurare una migliore riuscita dell’intervento. Così è stato. Dopo la protesi abbiamo conservato in maniera sterile la testa femorale e tutto l’osso rimosso, e al momento della revisione abbiamo trovato quello che ci aspettavamo. Una metallosi diffusa, con riassorbimento a livello del femore, ossidazioen del conetto dello stelo. Il cotile è stato rimosso senza nessun problema non avendo nessun segno di integrazione. Abbiamo trovato delle perdite sul fondo acetabole che dopo aver pulito e fresato a minima sono state colmate con osso controlaterale. Abbimo posizioanto un cotile con una ottima tenuta. Abbiamo pulito il femore e colmato anche qui le perdite di osso con l’osso preso dalla testa femorale. Il risultato ottimo. Il paziente si è alzato il giorno dopo e ha demabulato senza problemi. Sanguinamento contenuto e nessuna trasfusione.


9 visualizzazioni